Rifiuti: vertice in prefettura sulla discarica di Siculiana

Di Francesco Di Mare,  Giovedì 17 gennaio 2008
Pubblicato in : Cronaca, Agrigento e Provincia


Niente processo sommario alla discarica di Siculiana, massima attenzione alla salubrità dell'ambiente in cui si vive a Montallegro, Siculiana, Cattolica Eraclea e Realmonte, stupore per la situazione della discarica di Campobello di Licata. Questo e molto altro è quanto emerso ieri dalle tre ore di riunione svoltasi in Prefettura su input del prefetto Umberto Postiglione. Una sorta di prosecuzione approfondita di quanto discusso lunedì scorso a poche ore dalla cessazione dell'emergenza rifiuti provenienti dalla Campania e destinati alla discarica di Siculiana e al centro di trattamento della ditta Catanzaro a Favara.

Il «parterre» ieri era molto più ricco, visto che accanto ai «soliti» sindaci dei comuni coinvolti dalla vicenda, e ai rappresentanti del comitato civico montallegrese c'erano l'avvocato ed ex parlamentare della Commissione nazionale Antimafia Giuseppe Scozzari, legale rappresentante del gruppo Catanzaro, i rappresentanti dell'Ausl 1 Spoto e Amodeo, mentre per l'Arpa c'era il dottor Tito Montana Lampo. C'era anche il vice presidente della Provincia Santino Lo Presti costretto ad andare via quasi subito per altri impegni istituzionali.
Prima di andarsene ha però lanciato la proposta di un tavolo tecnico permanente sulla faccenda rifiuti e ambiente. Il catalizzatore della riunione e non certo perché era il padrone di casa è stato il prefetto Postiglione. Dapprima ha sgomberato il campo dal sospetto che sia in corso un processo alla discarica gestita da Catanzaro. «Siamo qui per chiarire ogni aspetto della situazione non certo per colpevolizzare chi non ha elementi tali da vedersi contestare».

Il prefetto ha confermato che il sito ricade interamente nel territorio di Siculiana, ma che al contempo è indispensabile fare accertamenti su altre situazioni. «Le verifiche si devono fare dove sta la gente» ha detto il prefetto, dando la parola agli esperti.
Il primo a parlare è stato Montana Lampo per l'Arma il quale ha sottolineato come «le analisi sul percolato insistente nella discarica hanno dato esiti negativi, quindi sono in regola. Effettuiamo controlli mensili che sono sempre stati regolari». A prendere poi la parola è stato il dottore Spoto dell'Ausl il quale ha evidenziato la disponibilità dell'azienda a fare il punto della situazione sulle cause dei decessi dei residenti nelle zone interessate alla facenda, al fine di accertare reali commistioni tra inquinamento e decessi. Anche Spoto ha evidenziato come in base ai dati in suo possesso la discarica siculianese è in ordine.
Il prefetto è rimasto molto «meravigliato» quando dall'Arpa ha appreso che la discarica di Campobello di Licata è allo stremo della capienza e che andrebbe di fatto chiusa per anomalie accertate e segnalate nei mesi scorsi. Postiglione ha immediatamente chiesto che sulla questione venga fornito della documentazione necessaria a valutare il caso.

Il momento più «caldo» del vertice si è avuto quando a prendere la parola è stato l'avvocato Scozzari. Con carte alla mano, il legale della Catanzaro Costruzioni ha evidenziato come «sia necessario capire se in questa sede si punti l'attenzione solo sulla discarica e il suo comprensorio o se su tutta la provincia. In questo caso, ritengo che ci siano molte situazioni ben più peggiori della nostra. Nella stessa Montallegro c'è una discarica abusiva che il Comune non bonifica e che è fonte d'inquinamento mai azzerata».
Al legale ha risposto in tempo reale il sindaco del paese Manzone il quale, dopo avere evidenziato «problemi di ordine pubblico ancora esistenti», ha detto che «è in atto una pratica di passaggio di proprietà del terreno dal privato al comune che poi bonificherà». Scozzari ha poi aggiunto che «se gli stessi controlli ai quali è stata sottoposta la nostra discarica fossero stati effettuati in altri siti, certe cose andrebbero diversamente».
Il riferimento alla discarica campobellese era palese. La chiusura al prefetto: «Sono contento perché ci mettiamo al lavoro per analizzare la situazione, lo sono meno per quello che ho sentito su un'altra discarica»

Fonte: La Sicilia

Commenti

anonimo ha detto…
fanno girare tutto come vogliono....


anonimo ha detto…
CUMMENIU LIONS CLUB

Oturi

Franceso Ingraudo

Siculiana, 27 jnnaru 2008


Aieri sira tampisiannu p’u paisi

Vitti a u centru sociali luminaria

C’jvu senza pirmissu e mancu scusi

Si parlava d’a Sicilia e a so storia


Na tavulata di pruvissuruna ‘ncravattati

‘ncapu u parcu supra d’iddi misi

d’u Lions Club foru tutti ‘nvitati

pirsunaggi e i sinnaci di i tri paisi


Natri paisani fomu rapprisintati

Di stu segretariu cumunali

Pi veru dissi du paroli cuntati.

U diretturi d’u centru sociali,


u “DOTTORE” Francu Caruana,

cu a lazzata na lira ‘un ci vali,

rapprisintà u paisi di Siculiana

ca p’iddu è sempri carnalivari


si sapi, a so lauria è veru strana:

minchiati di trenu e tempu persu

cantà e na picciotta fici scena

di Bissi ricità u solitu versu


“a sta minchia parrì” iddu ‘ncarcannu .

s’azziddaru e sturceru u mussu,

i signura ‘npillicciati, ‘ntunnu taljannu.

U cummenniu c’a storia detti cursu


U’ provessuri parlannu parlannu

d’a terra di Trinacria a so storia

Quattromila e chiù, annu dopu annu

Ca tutti finiva u’ ni pariva l’ura:


Greci, nurmanni, svevi e saracini

Di ddi Siciliani mancu l’ummira

Chista è a storia di i coloni

U Populu Sicilianu, ‘un era?


Chiamaru ‘ncapu u parcu a Randazzu

cu u so tempu si vidi spuntari

U’ sciacchitanu quantu u’ palazzu

Si vozi subbitu assittari e ricitari


Sugnu babbu ma ‘un sugnu pazzu

Chistu cu sta panza parla di manciari

E veru fu: carni, vinu e tumazzu

Spassusu c’a tutti fici scialari.


Natru pruvissuruni ficiru parlari

Di la Sicilia u so sviluppu futuru:

strati, firruvii, porti tutti a fari

nummiri e dati vidiva sulu scuru


nuddu voli veniri a ‘nvistiri li so grana

‘ntrusti cca ‘un si ‘ni ponnu fari

ogni speculazioni ca è vana,

talè emuninni tutti a mangiari.


U presidenti Vitellu chiamatu Vaccaru

Comu si chiamassitu a u crastu picuraru

Sunà a campanedda e tutti si suseru.

U buffet cu milli cosi pripararu

E tutti di cursa s’atturniaru

Ddi signuruna ‘npillicciati s’impustaru

i grazza allargaru e mangiaru:

purpetta, salami e u vinu surchiaru

sta minchia quantu mangiaru!

A la facci di li pellicci!
l3d ha detto…
FRANCESCO INGRAUDO A LU CUMMENIU DI STORIA

(Enza Pecorelli)


Talè talè chi cosi c’a sintìri

Cicciu lu babbu s’a misu a firriari,

no a li Balateddi o a San Franciscu

ma a lu centru sociali, friscu friscu.

E mancu ricitava Nunziatina

ca pi fari arridiri è supraffina.

La storia di Sicilia si discurrìa

iddu trasì e macari capìa.

Miraculu! Ca Lourdes è fissarìa

a cunfruntu di ‘sta migliurìa.

Vitti li pruvissura ‘ncravattati

e li fimmini tutti mpillicciati

e mmeci di rasparisi la testa

si misi a fari puisii a la lesta.

Ciccì, sugnu daveru cuntenti

c’addivintasti spertu d’un nenti.

Mi stranizzà però,ti l’haiu a diri,

ca dda mangiata ti l’avisti a gudìri

si cunti di purpetta e robba di sbafari

ristassi ddà e puru a surchiari.

Ti ficiru mala diggistioni

salami e vinu di la cunclusioni?

Sa chi ti dicu? L’ironia mi piaci

ma si mangi cu iddi, almenu taci.
anonimo ha detto…
MI PARI GIUSTU

Oturi

Francesco Ingraudo

Siculiana, 3 frivaru 2008



Mi pari giustu dari risposta

A vuscenza pi tantu anuri,

Ca smumudassivu apposta

A voscia Musa pi pujtari.

Babbu sugnu e babbu arrestu,

U spertu ‘un u sacciu fari

S’a me satira a fa divirtiri

Pigliassisi ora puru u restu.

Veru è, mi vidissivu mangiari

U purpettu e u biccheri di vinu

mezzu i pillicci mi potti ‘nfilari,

a u vosciu cirivellu sopraffinu

cu pirmissu vogliu fari nutari

ca ‘un c’è vinu e mancu pupetta

ca Ciciu Minchiti ponnu accattari

e mangiu sempri cu a me sacchetta.

Ora vogliu ringraziari u presidenti

Pi stu commenniu accussì ‘nportanti.

Apprizzatu di mia cu cori e menti.

A critica d’u buffè affuddatu

A dda genti cu tutti ddi pila

C’a vuscenza a tantu siddiatu

Po serbiri pi rispittari a fila

N’u prossimu cummeniu ornizzatu.

Sapi pi vuscenza u me rispettu

Ci vasu i mani e rancuri ‘un ni portu.








anonimo ha detto…
bello